La chirurgia orale è quella branca dell’odontoiatria che si occupa di tutta una serie di interventi chirurgici, tesi a porre rimedio a situazioni biologiche e anatomiche problematiche, divenute in alcuni casi irreversibili. Viene anche chiamata chirurgia odontostomatologica.

Il chirurgo orale è un odontoiatra che si occupa di aumento osseo (viene aumentata la quantità d’osso presente in una determinata zona della bocca, allo scopo di poter eseguire un impianto dove prima non era possibile) e di apicectomia (ossia la rimozione chirurgica dell’apice radicolare di un dente coinvolto in processi infiammatori, al fine di trattare un dente a polpa necrotica quando questo non può essere trattato con la sola endodonzia).

La chirurgia orale si occupa inoltre della rimozione di radici o denti inclusi nell’osso; di residui radicolari; estrazioni dentali semplici o complesse; enucleazione di lipomi, cisti, epulidi e altri tumori e neoformazioni del cavo orale; dell’estrazione di denti sani (ad esempio in presenza di affollamento dentario) per una corretta terapia ortodontica.

chirurgia_dentale

Fra i molteplici compiti della chirurgia orale (o chirurgia odontostomatologica) figurano anche gli interventi di implantologia (ovvero quegli interventi volti a sostituire i denti mancanti, con l’aiuto di viti realizzate in titanio, sulle quali viene in seguito completata la protesizzazione e che vengono inserite nei mascellari) e tutti quegli interventi di tipo chirurgico che vengono eseguiti a scopo pre-implantare.
Questi ultimi aumentano di molto la difficoltà dell’intervento; fra questi interventi citiamo, ad esempio, il rialzo del seno mascellare (che si rende necessario a causa della riduzione della quantità di osso, per poter impiantare l’impianto e permetterne la stabilità) e la rigenerazione ossea guidata con membrane, gli innesti ossei con osso del paziente o sintetico, rigenerazione ossea con “osso di banca”, distrazioni di porzioni d’osso, ecc…).

La chirurgia odontostomatologica è una branca della Chirurgia maxillo-facciale e si è ampiamente evoluta con le metodiche moderne. Le nuove risorse tecnologiche a disposizione dei professionisti della dentizione al giorno d’oggi permettono alla chirurgia orale di raggiungere risultati davvero sorprendenti.

chirurgia dentale

Tra gli ultimi risultati raggiunti figura l’annullamento del dolore intraoperatorio e postoperatorio, con l’ausilio di terapie a base di farmaci omeopatici edomotossicologici, da effettuare a domicilio, che riesce a mantenere perfettamente sotto controllo i sintomi dolorosi.
Molti degli interventi sono facilmente eseguibili in day hospital, cosa che rende ulteriormente più vantaggioso e meno problematico il ricorso chirurgico.

La nostra equipe è in grado di affrontare in assoluta sicurezza la chirurgia del cavo orale.

La particolare confidenza che abbiamo con queste tecniche ci permette di contenere al minimo il disagio per il paziente. Tutto ciò si traduce in interventi ottimizzati, con tempistiche ridotte. Per i pazienti più emotivi disponiamo anche di un macchinario per la sedazione cosciente (utilizziamo il TecnogazMasterflux, come macchinario) e quindi ridurre drasticamente le ansie del paziente che si deve sottoporre al trattamento chirurgico.

CONSIGLI

Quando dovete subire un intervento di chirurgia orale, non prendete impegni sociali per i 5-6 giorni successivi, né programmate viaggi in aereo.

EVITARE

Il fumo di sigaretta, perché rallenta i processi di guarigione della ferita.

CURIOSITÀ

Oggi è possibile utilizzare il laser a diodi al posto del bisturi, ciò riduce i tempi di guarigione e il fastidio post operatorio.